Google penalty

Spero non vi troviate mai ad affrontare un’azione manuale di Google!
Solo chi ha provato l’ebbrezza di Google Penalty sa quanto è complicato riprendersi e tornare ad avere un rankings degno di nota.
Una penalità è un provvedimento di Google che ha l’obiettivo di punire i siti web che hanno violato le Istruzioni per i webmaster (Google Webmaster Guidelines).
Una penalità può influenzare il sito in modo più o meno rilevante.
Esistono infatti penalità a livello di keyword, URL o directory, ma anche globali, che influenzano il dominio intero, anche dette sidewide.
Un altro tipo di penalità è l’esclusione dell’intero sito dall’Indice di Google, conosciuta come Delisting.
In generale si differenziano le penalità in algoritmiche e manuali. Le penalità di Google possono avere gli effetti seguenti:

Livello della penalità

  • A livello di keyword
  • A livello di URL o directory
  • A livello di nome host (sottodominio)
  • A livello di dominio (globale) o dell’intero nome di dominio
  • Delisting (Deindicizzazione)

Tipo di penalità

  • Penalità dovuta ad un algoritmo
  • Penalità intrapresa manualmente


La penalità a livello di keyword comporta la perdita del posizionamento di una o più keyword del sito penalizzato. Tutte le altre keyword di ranking rimangono invece invariate.
In basso abbiamo riportato un esempio di questa penalità. Il sito sanzionato ha infatti perso completamente il posizionamento della keyword “prepaid vergleich” (“confronto prepagate”). L’interruzione della linea indica che il sito non si è più posizionato con questa keyword all’interno delle prime 100 posizioni di Google.

Una penalità algoritmica è una sanzione che viene applicata automaticamente da uno degli algoritmi di Google. Gli algoritmi come il Google Panda Update o il Google Penguin Update sono dei filtri che utilizzano delle metriche proprie per controllare specifiche caratteristiche dei siti e sanzionarli in caso di violazione o inosservanza di queste.
Una penalità algoritmica colpisce improvvisamente e considerevolmente il dominio interessato, causando una forte perdita di visibilità e reperibilità nelle pagine dei risultati.
S’incorre in una penalità manuale quando un dipendente di Google (più precisamente del Search Quality Team o del Webspam Team) prende attivamente delle misure contro un determinato sito.
Egli infatti revisionerà completamente il dominio nel caso sospetti che quest’ultimo non rispetta le Istruzioni per i Webmaster di Google.

Un dipendente di Google potrebbe decidere di penalizzare un sito nel caso incorra in uno (o più) dei sette motivi seguenti:

  • Spam generata dall’utente (User generated spam)
  • Contenuti nascosti e/o keyword spamming (Hidden text and/or keyword stuffing)
  • Spam pura (Pure spam)
  • Contenuti scarsi, con poco o nessun valore aggiunto per l’utente (Thin content with little or no added value)
  • Backlink innaturali (Unnatural Links to site)
  • Link innaturali dal tuo sito ad un altro (Unnatural links from your site)
  • Backlink innaturali con effetto parziale (Unnatural Links to site – impacts links)

Per valutare quali siti controllare manualmente, Google utilizza, fra le altre cose, le segnalazioni di spam inviate dagli utenti.
Se un sito ha ricevuto una penalità manuale da parte di Google, essa sarà riportata all’interno della Search Console nel menù delle “Azioni Manuali”.
La severità e lo scopo della violazione definiranno la durata della penalità manuale del sito.